Il progetto

Progetto M.IN.E.R.V.4

Sviluppo e ottimizzazione di una macchina elettrica per la raccolta delle verdure a foglia di quarta gamma (CUP B43D18000330007)

Macchina INdustriale Elettrica per la Raccolta di Verdure di 4 gamma

Progetto M.IN.E.R.V.4

Obiettivo del progetto è lo studio di fattibilità riguardo la progettazione per lo sviluppo pre-industriale di componentistica elettromeccanica per ottimizzare il funzionamento full-electric della macchina per la raccolta. Si propone uno studio per mettere a punto e risolvere le criticità progettuali riguardanti l’attuale modello. In particolare, si propone di valutare:

  • l’abolizione del sistema di ingranaggi meccanici che innescano due tipi di marcia della macchina (modalità raccolto e modalità rientro dal luogo di lavoro) sopperendo con l’adozione di un sistema di controllo elettronico avanzato
    della velocità delle ruote
  • analisi forza motrice/assorbimento energetico/costi riguardante l’utilizzo di sistema di trazione con motori con tecnologia di funzionamento in AC (corrente alternata) in luogo degli attuali motori DC
  • ridimensionamento del battery pack in relazione all’ottimizzazione in
    termini di dispendio energetico derivante dallo sviluppo dei precedenti punti ed eventuale migrazione verso migliore tecnologia (ottimizzazione
    volume, peso e capacità del battery pack)

Livello di innovazione

Il progetto viene incontro ad una pressante esigenza di sviluppo di soluzioni a breve e medio termine per quanto riguarda la sostenibilità delle macchine da lavoro e sulla scorta di un crescente inseverimento delle normative Europee ed internazionali sulle emissioni di CO2.

La proposta intercetta perfettamente la direttrice dello sviluppo sostenibile, in particolare per quanto riguarda soluzioni e tecnologie per lo sviluppo e la mobilità sostenibile, poiché la realizzazione di soluzioni innovative e performanti per la trazione elettrica va nella direzione di ridurre la circolazione di veicoli con motore a combustione interna, rendendo così possibile una significativa riduzione delle emissioni dei gas di scarico, nocivi per l’ambiente e causa di problemi rilevanti alla salute delle persone.

Negli ultimi 20 anni è infatti cresciuta di molto l’attenzione delle principali istituzioni internazionali sugli impatti ambientali dalle attività antropiche. Una crescente attenzione è posta sull’effetto delle emissioni climalternati (cosiddetti “gas serra”) da parte di istituti quali l’International Panel on Climate Change (IPCCC) e la Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), riuniti di recente nella Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici , COP 21 (Dicembre 2015), e che hanno portato ai recenti “accordi di Parigi”, cioè un accordo globale sulla riduzione dei cambiamenti climatici, il cui testo ha rappresentato un consenso dei rappresentanti delle 196 parti partecipanti. L'accordo prevede un'emissione antropica di gas serra pari a zero da raggiungere durante la seconda metà del XXI secolo.

Tra queste, la mobilità è tra i principali settori a contribuire agli impatti negativi sull’ambiente, soprattutto attraverso la produzione di grandissimi volumi di gas serra, di cui il diossido di carbonio (CO2) costituisce circa il 70%. Si stima che il 14% delle emissioni di CO2 siano prodotte, a livello mondo, dal settore della mobilità ogni anno. Questo valore presenta una elevata dispersione in funzione delle aree geografiche, secondo i dati elaborati da EPA (US Enviromental Protection Agency) ed Eurostat, e soggetti a un forte incremento per il settore dei trasporti, dalla fine dello scorso millennio.

Qualità progettuale

Progetto M.IN.E.R.V.4

Fabbisogno d’innovazione:

– ridurre le emissioni di inquinanti sotto serra generati da obsolete macchine da raccolta spinte da motore a combustione e in prevalenza ad alimentazione diesel.

 

Obiettivi del progetto:

Il progetto proposto si riferisce ad un sistema di macchina per la raccolta di tipo elettrico e come obiettivo si pone di effettuare lo studio di fattibilità
per risolvere alcune criticità progettuali che la macchina attualmente presenta.

In particolare, da una prima analisi, come criticità del progetto attuale sono state individuate:

  • il problema dei due tipi di marcia (modalità raccolta e modalità ritorno dalle serre) da inserire con sistema di tipo meccanico
  • necessità di ottimizzare volume e peso del battery pack in quanto attualmente risulta molto pesante, economicamente poco sostenibile e di difficile intervento in caso di manutenzione e sostituzione
  • vantaggi/svantaggi dell’utilizzo dei motori per la trazione di tipo DC e di conseguenza si vuole valutare la fattibilità della sostituzione degli stessi con tipologia di motore in AC al fine di raggiungere, come obiettivo primario, una migliore efficienza in termini di efficienza energetica e prestazionale

I risultati e gli aggiornamenti saranno presentati su questo sito.

A Free Divi Layout Kit by Geno Quiroz